Podologia: quando ne abbiamo bisogno

La podologia è la disciplina medica che studia e contrasta i disturbi legati alla struttura e alla conformazione del piede. A differenza dell'ortopedico, il podologo si occupa specificatamente dei trattamenti medici e chirurgici della caviglia e delle estremità inferiori della gamba. Il podologo tratta direttamente le problematiche dolorose del piede, le problematiche dell’appoggio, della camminata e quelle biomeccaniche applicate allo sport. Inoltre, è in grado di individuare e segnalare al medico le sospette condizioni patologiche che richiedono un approfondimento diagnostico o un intervento terapeutico.

Podologia Catanzaro: quando bisogna andare dal podologo

Una visita di podologia è consigliata in tutti quei casi in cui ci sono problemi, dolori o fastidi cronici, cioè che durano già da diverso tempo e non accennano a ridursi.

Il podologo interviene meccanicamente per trattare casi di unghia incarnita, fenomeno conosciuto come onicocriptosi, oppure callosità plantari e sulle dita o tra le stesse. Lo specialista procede ad accorciare in maniera corretta e non dolorosa le unghie per prevenire deformità ungueali, recidive di onicocriptosi o paterecci. Casi del genere sono piuttosto frequenti soprattutto tra le persone anziane.

Il trattamento podologico non deve essere confuso con il trattamento estetico. Il podologo infatti non si concentra sulla parte estetica del piede, ma si occupa esclusivamente delle condizioni dolorose o infiammatorie che riguardano un piede, o entrambi, per poi stilare delle diagnosi ed in base ad esse individuare la terapia o il trattamento più indicato.

Il podologo inoltre segue i pazienti portatori di malattie a rischio e segnala al medico condizioni patologiche sospette che meritano quindi un maggior approfondimento diagnostico o di un intervento terapeutico.

Nel corso della prima visita il professionista, tramite l’anamnesi, raccoglie una serie di dati ed informazioni utili sulla vita del paziente. Successivamente lo fa sdraiare su un letto per analizzare la forma del piede e individuare eventuali deformità o criticità.

Il paziente effettua un paio di test ed esegue una camminata. In seguito il podologo usa la pedana baropodometrica, che consente di valutare i compensi, cioè i carichi con forza di gravità. Conclusa la visita, se ritenuto opportuno il podologo prepara un’ortesi su misura finalizzata a risolvere il problema riscontrato.

Insieme alla suddetta pedana può essere usato un podoscopio che misura il ciclo del passo. Altri strumenti tipici del podologo, per fresare le unghie spesse o la parte della pelle sui talloni, sono le lime, i tronchesini, le lame monouso ed i micromotori.

Puoi prenotare subito la tua visita di podologia presso il nostro poliambulatorio a Catanzaro Ipazia.

Dott.ssa Kassandra Nicolosi

Hai bisogno di un consulto immediato? Prenota la tua visita

Ti risponderemo entro 24 ore per confermare la tua prenotazione


    1Di cosa si occupa il Podologo?

    Il podologo tratta direttamente dopo esame obiettivo del piede, con metodi incruenti, ortesici ed idromassoterapici, le problematiche dolorose del piede, le problematiche dell’appoggio, della camminata e le problematiche biomeccaniche applicate allo sport. Tratta le callosità, le unghie ipertrofiche, deformi ed incarnite, ne studia le cause e previene le recidive. Esegue Valutazione clinica e strumentale dello stato di salute del piede avvalendosi di strumenti ed apparecchiature specifiche come ad esempio Podoscopio per la valutazione dell’impronta plantare o Pedana Baropodometrica Computerizzata per Valutazione dell’appoggio plantare in camminata e/o corsa. Realizza Ortesi plantari e digitali per problematiche quali Fascite plantare, Piede Piatto Valgo, Cavo Varo, Dismetrie arti inferiori, Alluce valgo, dita a martello ecc. Il podologo svolge la medicazione delle ulcerazioni delle verruche del piede e comunque assiste, anche ai fini dell'educazione sanitaria, i soggetti portatori di malattie a rischio. Il podologo individua e segnala al medico le sospette condizioni patologiche che richiedono un approfondimento diagnostico o un intervento terapeutico.

    2Quando rivolgersi al Podologo?

    Il dolore ai piedi, in qualsiasi punto, risulta essere sempre la prima grande motivazione per cui rivolgersi ad un podologo. Il dolore è sempre un campanello d’allarme che il nostro corpo attiva per indicarci che c’è qualcosa che non va. Altri fattori, non meno importanti, per rivolgersi ad un podologo sono sicuramente:

    • cambiamento della colorazione di cute, annessi cutanei (unghie);
    • il consumo ed usura non uniforme della calzatura;
    • affaticamento eccessivo dopo o durante camminata e/o sport;
    • Anomalie delle unghie come rossore, ispessimento, rottura, cambiamento di colore e consistenza;
    • cattivo odore;
    • impossibilità o difficolta ad articolare bene il piede durante il movimento;
    • callosità dolorose e persistenti;
    • cambiamenti del posizionamento delle dita dei piedi, atteggiamenti viziati o deviazione in valgo o varo delle dita (alluce valgo, dita ad artiglio)

    3Chi può essere visitato dal Podologo?

    Il Podologo gestisce tutte le fasce d’età, dai 3 anni di vita in su. Nei bambini sotto i 6 anni solitamente non si interviene con mezzi ortesici (a meno che non ci sia prescrizione/indicazione medico-specialistica) ma attraverso la prevenzione di possibili conseguenze legate a problematiche strutturali del piede del bambino e/o fattori ambientali. Dopo i 6 anni il Podologo interviene anche nella gestione di problematiche dell’appoggio e dello sviluppo del piede. Per tutte le fasce d’età il podologo interviene direttamente attraverso metodi incruenti per la risoluzione e gestione di tutte le problematiche del piede di sua competenza.

    Cos'e la podologia e di cosa si occupa

    Apri chat
    Hai bisogno di aiuto?
    Salve
    Come possiamo aiutarti?