Medicina Rigenerativa: quando ne abbiamo bisogno

La medicina rigenerativa è quella branca della medicina che si pone l’obiettivo di favorire e promuovere i processi naturali di rigenerazione delle cellule e dei tessuti danneggiati o invecchiati. Nell’ambito della medicina rigenerativa si utilizzano preparati autologhi di A-PRP o cellule mesenchimali provenienti da sangue midollare o cellule, opportunamente concentrate, di tessuto adiposo.

La medicina rigenerativa ha differenti ambiti di applicazione:

  • Ortopedia
  • Dermatologia
  • Estetica
  • Ulcere cutanee
  • Tricologia
  • Ginecologia
  • Andrologia

Hai bisogno di un consulto immediato? Prenota la tua visita

Ti risponderemo entro 24 ore per confermare la tua prenotazione


1Cos’è l A-PRP?

Plasma ricco di Piastrine Autologo. Viene ottenuto mediante un piccolo prelievo di sangue venoso autologo in provetta e separato mediante una breve centrifugazione. Tutta la procedura viene effettuata mantenendo il circuito chiuso in modo da impedire qualsiasi contaminazione batterica.

2Quali sono i campi di applicazione?

Molteplici. In ambito ortopedico per le malattie degenerative delle articolazioni, danni muscolari, tendinopatie, mancato consolidamento osseo ecc. Ulcere cutanee, da decubito, flebostatiche, diabetiche, ustioni ecc. Tricologia, alopecia. Estetica, ringiovanimento cutaneo, cicatrici da acne ecc. Andrologia deficit erettile, sindrome di Peyronie (Induratio penis) ecc. Ginecologia ringiovanimento estetico, secchezza vaginale, ecc. Oculistica ulcere corneali, sindrome dell’occhio secco. In generale in tutte le situazioni in cui è opportuna la rigenerazione cellulare a livello topico.

3Esistono effetti collaterali noti?

Essendo un prodotto prelevato dallo stesso paziente (Autologo) in letteratura non vengono riportati effetti collaterali, se non quelli dovuti ad una cattiva pratica medica (mancata o scarsa disinfezione del sito di prelievo, utilizzo di materiale non idoneo ecc).

4C’è una minima possibilità di rischio trasfusionale per uso di sangue infetto?

Assolutamente no. Il preparato è di origine autologa, cioè prelevato e impiantato dallo stesso paziente.

5C’è il rischio di scambio di provette?

Assolutamente no. Il protocollo di legge che è, naturalmente, scrupolosamente osservato da questa struttura, prevede che prelievo e impianto venga eseguito immediatamente, un paziente per volta.

6Le provette che si utilizzano sono normali provette da laboratorio?

Assolutamente no. Devono essere, per legge in Italia, dispositivi medici prodotti e certificati per quel determinato uso (produzione di emocomponente per uso non trasfusionale) e non da laboratorio (IVD).

7Possono essere utilizzati in qualsiasi studio medico?

Assolutamente no. Per la legge italiana possono essere utilizzati da personale medico solo in strutture appositamente certificate dal centro Trasfusionale di riferimento con protocolli approvati, ben definiti e controllati.

8Qualsiasi paziente può effettuare la terapia con A-PRP?

Al momento, per legge italiana, l’unico criterio di esclusione è una scarsa quantità di piastrine, che viene valutata dal medico mediante semplice emocromo. Naturalmente l’opportunità o meno della terapia è una valutazione strettamente medica.

PRENOTA LA TUA VISITA
Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Salve
Come possiamo aiutarti?