Endocrinologia: quando ne abbiamo bisogno

Il benessere dell’organismo umano è dettato in modo determinante dal sistema endocrino in ogni fase della sua esistenza: esso, infatti, attraverso le ghiandole endocrine che producono ormoni, regola la crescita, il buon funzionamento del metabolismo e la digestione, la maturazione sessuale, la riproduzione, il ciclo sonno-veglia, lo stress e l'umore.

Le patologie correlate ad uno squilibrio del sistema endocrino possono essere molteplici e le manifestazioni non sono sempre immediatamente associabili ad uno scompenso ormonale.

Inoltre, le malattie connesse ad un cattivo funzionamento delle ghiandole endocrine possono presentarsi anche in tenerà età. E’ il caso della pubertà precoce o del gigantismo nei bambini. Quelle invece più diffuse in età adulta sono l’ipertensione, il diabete, le anomalie del colesterolo o del cuore, i disordini della tiroide, ecc. Ognuna di queste patologie può essere gestita dal medico Endocrinologo che, attraverso colloqui con il paziente ed esami investigativi mini-invasivi inquadra la causa scatenante e fornisce percorsi guidati di gestione delle anomalie e dei disturbi.

Dott.ssa Emanuela Greco

Hai bisogno di un consulto immediato? Contattaci

Ti risponderemo entro 24 ore per confermare la tua prenotazione


1Sovrappeso e obesità, perché rivolgersi all’endocrinologo?

L’obesità è una patologia caratterizzata da un eccessivo peso corporeo dovuto a un accumulo di tessuto adiposo, che si sviluppa per l’interazione di vari fattori, tra cui genetici, endocrino-metabolici e ambientali. È una patologia cronica molto diffusa in grado di influire negativamente sullo stato di salute perché aumenta il rischio di sviluppare altre malattie e peggiora la qualità di vita della persona. Le patologie che più frequentemente si associano all’obesità sono, l’ipertensione arteriosa, la dislipidemia e il diabete che,singolarmente o in sinergia, aumentano il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Il ruolo dell’endocrinologo è dunque quello di individuare e caratterizzare la patologia e fornire soluzioni per la corretta gestione degli scompensi causati dall’eccesso di tessuto adiposo.

2Infertilità, irregolarità del ciclo mestruale e iperandrogenismo, perché rivolgersi all’endocrinologo?

L’infertilità è la condizione per cui una coppia non riesce ad ottenere una gravidanza dopo uno o due anni di rapporti sessuali costanti e non protetti. Le cause che possono ostacolare il concepimento sono fra le più svariate e possono riguardare, sia per l’uomo che per la donna, lo stile di vita, così come fattori genetici, anatomici e ormonali. Alcune giovani donne, inoltre, possono presentare alterazioni del ciclo mestruale e iperandrogenismo. Fra le cause ormonali più frequenti di infertilità, irregolarità mestruali e iperandrogenismo ricordiamo: la sindrome dell’ovaio policistico, l’iperprolattinemia e le tireopatie. In questi casi il ruolo dell’endocrinologo è quello di individuare e caratterizzare la disfunzione ormonale e, ove possibile, di fornire il percorso terapeutico più opportuno alla risoluzione della problematica.

3Controllare la funzione tiroidea, perché?

La tiroide è una delle ghiandole endocrine più importanti del nostro organismo, la cui funzione è quella di sintetizzare ormoni indispensabili per la vita stessa, ovvero la Tri-iodotiroina (T3) e la Tetra-iodotironina (T4). Gli ormoni tiroidei sono fondamentali durante tutte le fasi della vita dell’individuo, regolano infatti il corretto sviluppo embrionale e dopo la nascita, fino alla senescenza, modulano il sistema nervoso, cardiovascolare, scheletrico, riproduttivo e il metabolismo. Le alterazioni che possono interessare la tiroide riguardano sia la sua funzione che la sua struttura. L’alterato funzionamento della tiroide può determinare patologie come l’ipotiroidismo (carenza di ormoni tiroidei) oppure l’ipertiroidismo (eccesso di ormoni tiroidei), mentre alterazioni morfologiche sono la presenza di noduli o di gozzo, queste ultime non necessariamente associate a disfunzione ghiandolare. La tiroide, infine, può essere interessata da processi infiammatori (tiroiditi) di varia natura che potenzialmente ne alterano funzione e morfologia. In questi casi il ruolo dell’endocrinologo è quello di individuare e caratterizzare la natura della tireopatia e, ove possibile, fornire il percorso terapeutico più opportuno per la sua risoluzione.

4Osteopenia e osteoporosi, perché rivolgersi all’endocrinologo?

L’osteoporosi è una patologia del metabolismo scheletrico caratterizzata da una riduzione della massa ossea e dal deterioramento della micro-architettura del tessuto osseo che espone il soggetto ad un aumentato rischio di fratture traumatiche e spontanee (fratture da fragilità). Le fratture su base osteoporotica più frequenti sono la frattura del polso, del femore e le fratture vertebrali. L’osteoporosi colpisce prevalentemente il sesso femminile e l’osteoporosi post-menopausale ne rappresenta la forma in assoluto più frequente. Tuttavia, sono note altre forme di osteoporosi dovute a difetti genetici, disfunzioni ormonali (queste ultime causate da malattie della tiroide, eccesso di ormone paratiroideo, eccesso di ormoni glucocorticoidi, menopausa precoce, irregolarità del ciclo mestruale, amenorrea), immobilità, eccessiva magrezza, tumori. Il ruolo dell’endocrinologo è quello di individuare e caratterizzare la patologia e fornire il percorso terapeutico appropriato per la sua gestione.

PRENOTA LA TUA VISITA
Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Salve
Come possiamo aiutarti?