Otorinolaringoiatria: che cos'è?

Molto spesso e, soprattutto da bambini, ci siamo sbizzarriti col pronunciare il nome “otorinolaringoiatra”, magari senza neanche saperne fino a fondo il significato di questa specialità medica. Comprendere questa branca della medicina significa imbattersi in un distretto assai ampio, cioè quello che va dalla zona del collo fino alla testa. Lungo questo percorso si incontrano alcuni organi di fondamentale importanza.

Tra questi anzitutto la gola, responsabile della deglutizione e della voce. Anche le orecchie giocano un ruolo fondamentale per l’equilibrio della persona e dell’udito. Il comparto naso apre ad altre numerose possibilità di intervento di questa specialità medica in quanto la respirazione è tra le vitali attività del nostro organismo. Insieme a questi tre specifici comparti l’otorinolaringoiatria agisce anche su paratiroidi e tiroidi, trattamenti medici e chirurgici della lingua, distretto cervicale e facciale, base del cranio e ghiandole salivari. La presenza di uno specialista unico nel trattamento, prevenzione e cura di alcune patologie del distretto collo – testa è relativo alla forte correlazione patologica che interessa, spesse volte, queste zone tutte insieme. Il medico otorinolaringoiatra, quindi, agisce su processi patologici di natura traumatica, tumorale, infettiva o patologie del nervo facciale. In ogni caso il termine otorinolaringoiatra è di derivazione greca e indica lo studio del naso, dell’orecchio e della laringe.

Dott. Giuseppe Petitto

Hai bisogno di un consulto immediato? Prenota la tua visita

Ti risponderemo entro 24 ore per confermare la tua prenotazione


1Visita otorinolaringoiatra e specializzazioni

Sono numerose le peculiarità dell’otorinolaringoiatria. Le nuove tecnologie e l’avanzamento della medicina aprono a tantissime aree di sotto-specializzazione in riferimento a molteplici campi d’azione. Tra questi spuntano le allergie: in modo particolare la sinusite cronica, il mal di gola ma anche giramenti di testa, otiti e riniti.

Anche la chirurgia maxillo-facciale e la plastica ricostruttiva hanno una forte corrispondenza con la setto-plastica, la cura del labbro leporino e la rinoplastica. La larinologia, inoltre, si occupa di tutti gli assetti particolari e curativi della laringe. Occhio vigile anche ai tumori sia maligni che benigni della zona collo – testa con un’attenzione per laringe, gola, bocca, naso, esofago e corde vocali. La presenza di eventuali patologie, di disfunzioni oppure di altre problematiche del percorso che interessa principalmente naso, orecchie e gola, può essere accertata mediante una accurata visita specialistica otorinolaringoiatrica. Lo specialista analizza il distretto cercando di comprendere lo stato d salute dei diversi organi e, in particolare, della eventuale correlazione che c’è tra i diversi organi analizzati. Molto spesso leggiamo anche la sigla ORL che viene usata come abbreviazione di otorinolaringoiatria.

2Quando andare dall’otorinolaringoiatra?

Rivolgersi ad un centro specializzato che offra un eccellente prestazione è il primo passo per eliminare fastidiose anomalie del setto collo – testa e che rendono difficili i nostri giorni. Alcuni di questi problemi riguardano acufeni che si presentano in maniera improvvisa sotto forma di ronzii alle orecchie, sensazione di occlusione di una o di entrambe le orecchie oppure abbassamento considerevole dell’udito.

Altri fastidi sono relativi, invece a: senso di disorientamento, capogiri e sbandamenti dell’equilibrio, dolori e infiammazioni della gola che non passano con normali cure; naso chiuso con relativa congestione e difficoltà notevoli nell’atto respiratorio; raucedini e abbassamento della voce per lunghi periodi. Un controllo approfondito si rende necessario quando sopraggiungono queste problematiche e, da lì, si potrà procedere ad esami diagnostici consigliati dal medico otorinolaringoiatra.

3Quali sono i disturbi principali del setto collo – testa: zona naso e respirazione?

Lo specialista in otorinolaringoiatria cura una serie di disturbi legati al setto che va da collo fino alla testa, con particolare interesse ad alcuni organi importanti, responsabili di funzioni vitali per il benessere della persona e per la sua quotidianità. Un disturbo dell’orecchio, quanto della gola, fino a quelli legati al naso, possono compromettere alcune azioni involontarie recando un considerevole fastidio.

. Vediamo ora quali sono le principali problematiche della regione collo – testa. Partiamo da una forma grave di malattia: i tumori. Le statistiche, purtroppo, confermano un aumento vertiginoso di neoplasie che interessano la laringe ed il tratto naso-faringeo. In questo caso più che di un intervento dello specialista otorinolaringoiatra è opportuno rivolgersi ad un oncologo per una cura mirata. Nella zona naso i problemi più frequenti sono quelli di ordine respiratorio. Dalle allergie alle occlusioni nasali: i livelli di gravità che interessano questa parte sono molteplici. Russare oppure andare in apnea notturna sono i disturbi più diffusi che vanno curati mediante un intervento dell’otorinolaringoiatra. Altri problemi di respirazione sono legati al setto nasale deviato per una malformazione congenita oppure provocata da un trauma. Anche la sinusite cronica interessa le cavità nasali provocando delle notevoli difficoltà nella respirazione, con particolare produzione di muco infetto o presenza di polipi nel setto nasale.

4Quali sono i disturbi principali del setto collo – testa: zona orecchie ed udito?

In relazione al comparto orecchio – udito la difficoltà principale che potrebbe presentarsi è relativa alla diminuzione dell’udito. L’età media in cui si presenta questa difficoltà è attestabile al superamento dei 65 anni ma la presenza di particolari infezioni o, addirittura, di sopraggiunti traumi potrebbe portare alla perdita parziale o totale dell’udito anche sotto la soglia stabilita.

Le sordità, inoltre, possono essere acquisite (come nei casi prima descritti) oppure congenite. In relazione a questo comparto le difficoltà crescenti sono in funzione di alcuni disturbi come l’acufene: presenza di un ronzio, tintinnio oppure percezione di un suono costante che interessa solitamente un solo orecchio (o nei casi più gravi anche entrambi). Questa complicanza può estendersi anche aspetti legati all’equilibrio.

5Quali sono i disturbi principali del setto collo – testa: zona gola e palato?

In questo comparto le difficoltà nella deglutizione si chiamano disfagie e, molto spesso, impediscono l’assunzione di cibi semisolidi o solidi. Altre anomalie, come il labbro leporino (o palatoschisi) vengono curate dall’otorinolaringoiatra intervenendo sulle cosiddette anomalie del palato congenite.

Trachea, laringe e faringe vanno tenute sempre sotto controllo perché “zone calde” particolarmente esposte ad infiammazioni e infezioni di ordine allergico o batterico. Il sintomo principale è l’abbassamento della voce. Nei bambini, invece, sono molto diffuse le tonsilliti: infezione batterica delle tonsille soprattutto nei bambini curabili o mediante l’asportazione delle stesse o con terapie antibiotiche che si rendono comunque necessarie. Le problematiche della zona naso, gole e orecchie sono molto diffuse ed una visita presso un centro specialistico con prestazioni otorinolaringoiatra può risolvere complicanze che compromettono semplici azioni quotidiane.

Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Salve
Come possiamo aiutarti?